Raccontarsi…7/12/’09

 

“Il nostro cuore cambia il cuore degli altri. L’amicizia cambia le persone. I viaggiatori che si coprono con il proprio mantello e fanno appello a tutte le energie per affrontare il freddo vento, si rilassano e cambiano prospettiva e azioni quando sono avvolti dal calore del sole.”

 

giorno per giorno – Daisaku Ikeda

 

 

7 DICEMBRE 2009

“Succede molto spesso che quello che si vorrebbe non corrisponde alla realtà, ma con il tempo si impara ad accettare anche quello che arriva e ad accettarsi per come si è senza troppe aspettative.

Ho dei piccoli segreti e farò in modo di non trascurarli, li lascerò aperti almeno da una parte cosicchè un po’ d’aria possa entrare e, forse, in una giornata particolarmente ventosa voleranno via sorridenti lasciandomi di sicuro più leggera.

Succede che poi, attraversando  le ore di un giorno intero, ogni cosa venga ridimensionata e ci si ritrovi insieme a ridere scherzare, chiacchierare e  riscoprire il piacere di sentrisi dire: “sei bellissima, irresistibile…ti amo sempre di più…”

Sono momenti che curano e salvano dalle ossessioni della mente.

Ogni cosa troppo appuntita e buia prende un’altra sfumatura e  smussandosi si scioglie in un altro colore riscaldando l’anima e anche il cuore.

Quanto è bello tornare a casa, essere a casa con le persone che ami, che sanno come sei e con le quali non ci si vergogna più di niente…poterlo credere è già molto anche se nella vita spesso arrivano sorprese inaspettate.

Io non mi fermo, non divento quieta, questo no, non mi stabilizzo in questa dimensione che non ho mai costruito su misura per me…ma che si è formata insieme a me.

Lascio le porte aperte e i confini morbidi direi quasi liquidi. Ci sono pagliuzze dorate in questa dimensione che vivo, sarei cieca se non me ne accorgessi, accecata dalle solite abitudini fatte di parole e azioni automatiche.

Voglio fermarmi ad ascoltare l’estasi della vita che scorre dal dentro al fuori, dal fuori al dentro…attraversando dimensioni sincroniche di spazio e tempo.”

 

 

Un sereno e magico dicembre a tutti gli amici che passano di qui!

 

 

TAGS

Felice Novembre!

Vi auguro un magico Novembre e un sereno giorno d’ognissanti!

 

 

TAGS

Il sole è nuovo ogni giorno

 


“La giovinezza è una qualità dell’essere

Questa è una delle massime più profonde di Eraclito.

Il sole è nuovo ogni giorno. La fame è nuova ogni giorno L’amore è nuovo ogni giorno. La vita è nuova ogni giorno.

Dire “ogni giorno” non è esatto: ogni movimento, ogni gesto, ogni momento, ogni cosa è nuova. Da dove viene allora il vecchio? Perché ti annoi? Se ogni cosa è nuova è non puoi entrare nello stesso fiume, e se non puoi rivedere la stessa alba; se ogni cosa è così nuova è fresca, perché dunque ti annoi e muori? Perché non vivi in funzione dell’armonia interiore. Vivi in funzione della mente. La mente è vecchia.

Ogni sole è nuovo, ogni mattino è nuovo, ogni fame è nuova, ogni sazietà: ma la mente è vecchia.

La mente coincide col passato, la mente è memoria accumulata. E se guardi attraverso la mente, questa porta con sé vecchiaia e morte per tutte le cose: ogni cosa sembra polverosa, sporca, tutto a causa della mente. Metti da parte la mente, metti da parte i ricordi! Se riesci a mettere da parte i ricordi, tua moglie è nuova ogni giorno, perché è solo a causa dei ricordi che tu pensi di aver vissuto con questa donna trent’anni e di conoscerla bene. Chi può conoscere mai nulla. Rimaniamo estranei, eternamente estranei.

Come puoi conoscere una persona? Si può conoscere una cosa, non una persona, perché una cosa può essere esaurita. Come puoi conoscere una persona? Una persona è libertà. Cambia in ogni momento. Se non puoi entrare due volte nello stesso fiume, come puoi incontrare di nuovo la stessa persona? Se persino i fiumi sono così mutevoli… la consapevolezza, il fiume della consapevolezza non può essere vecchio. Se metti da parte la mente, se non guardi con gli occhi vecchi, tua moglie è nuova, ogni gesto è nuovo. In questo caso esiste una costante, una continua eccitazione nella tua vita, una continua vivacità.

Oggi avrai fame, è nuova. E oggi, quando mangi, questo cibo è nuovo, perché nulla può essere vecchio nell’esistenza. L’esistenza non ha passato. Il passato fa parte della mente. L’esistenza è sempre nel presente, nuova, fresca, sempre in movimento, una forza dinamica, un movimento dialettico, scorre come un fiume. Se avrai questa intuizione, non sarai mai annoiato. E la noia è la malattia più grave: uccide in profondità, è un lento avvelenamento. A poco a poco sei così annoiato che diventi un peso morto che grava su te stesso. Allora la poesia della vita scompare. A questo punto non fioriscono i fiori e non cantano gli uccelli. A questo punto sei già sepolto, sei già nella tomba.

Si dice che la gente muore a trent’anni e sia sepolta verso i settanta. Anche trent’anni sembrano troppi, questo proverbio deve risalire ai tempi antichi… ora non è così: ora la gente muore a vent’anni circa. Anche questa età pare troppo remota. Molti giovani, giovanissimi, di diciott’anni, venti, vengono a dirmi: “Siamo annoiati”. Sono già invecchiati. Li avete istruiti, avete già condizionato la loro mente. Stanno già morendo. Muoiono ancor prima di essere giovani.

Ricorda, la giovinezza è una qualità dell’essere. Se sei in grado di guardare il mondo senza mente, resterai giovane per sempre. Anche nella morte sarai giovane, emozionato, proprio perché la morte si sta avvicinando; sei eccitatissimo: una grande avventura, un culmine, una porta si apre ora sull’infinito.

Mai nulla è uguale a se stesso. Ogni cosa continua a cambiare. Solo la mente è vecchia e morta. Essere capaci di guardare la vita senza mente, questo è meditazione.

Tratto da:: Osho,” L’armonia nascosta, discorsi sui frammenti di Eraclito”, Ed ECIG

 

Buongiorno e buon inizio a tutti sulla nuova piattaforma di Style! Buona settimana!

TAGS

Sette anni!

 

 

 

 

Una fantastica torta per il tuo compleanno!

Ma soprattutto tanto affetto e tanta allegria e i regali che desideri.

 


Auguroni dolce piccola Elisa!

 

 

 

TAGS

Nei particolari…

 

 

Sono i particolari che focalizzano la mia attenzione…le mille pedalate circolari di un cuoricino libero,

i passi sonori che battono il tempo, creando fruscii e  scoprendo le prime foglie secche, spezzate…

i richiami degli uccelli che hanno costruito la loro casa sopra il tetto e sul pino dentro il quale si riversa l’intero balcone.

Ma il  cerchio non si può chiudere senza il luccichio alternato del bianco e del verde,

racchiusi nel gesto ampio ed elegante della sposa che esce fuori,

regina dentro la sua festa perfetta come un’opera d’arte che mai si ripeterà.

La sposa in bianco, la calla come velo e calice che raccoglie il bianco e il nero, il chiaro e lo scuro, il giorno e la notte.


 

 

Non so cosa ne succederà a questo mio blog, spero di riuscire ad esportarlo tutto così come è da un’altra parte. Anche perchè sono molto affezionata a tutto quello che contiene e a come si è trasformato nel tempo.

Intanto vi lascio i link  di due altri blog che ho aperto qualche tempo fa su blogspot.


incantevolispruzzi.blogspot.com

penninoechina.blogspot.com/


 

 

 

TAGS

Fili sospesi

 

 

 

 

 
 
La poesia  non accade sulla pagina bianca, 
la poesia accade  dentro un gesto che riscalda il cuore.
Si annida tra le pieghe di un’ala appena appena ferita,
suona la sua musica dentro silenzi che sembrano lunghissimi.

Arriva inaspettata e si infila come un guanto…
perfetta fusione nel ritmo del respiro,
dopo la fiammata arriva la carezza,
tutto s’aggiusta e trova pace.
 
 
 

 
 
 
 

 

TAGS

Richiami cilclici

 

21 Agosto 2011


Tutto scorre in questa umida, afosa serata d’agosto.  

Già i pensieri si girano a guardare il futuro vicino: l’inizio di settembre, l’inizio delle scuole, la luce che cambia e gli stati d’animo che si trasformano per diventare lievemente malinconici. 

Per un po’ si rimane sospesi in questo caldo eccessivo, fuori dal tempo, sospesi  tra intervalli dove i pensieri galleggiano senza più ricordare i propri collegamenti. 

I pensieri ci sono e basta. Io li guardo galleggiare dentro le bolle che si formano nel caldo di un giorno pieno di sole.

Un giorno è dilatato, un giorno è compresso…

Ogni giorno si prende il suo ritmo senza però portare dietro anche me.


Come è bello perdersi ancora tra i sorrisi della vita, dentro gli sguardi divertiti e  le voci familiari, nella sostanza argentata che solo le giravolte dei bambini sanno fare rinvenire.


Ho ripreso la mia lente magica dimenticata tra le pieghe della borsa del folletto. L’ho usata per vedere meglio e per scoprire tesori invisibili. Ho sentito nuovamente la voce amica che mi invita a scrivere per me, per il bene che si prende cura, per la scintilla che accende la fantasia, per il cuore che batte all’unisono con il resto del mondo.


TAGS

Notti di stelle

 

 

 

Nel cielo stasera brilla una gemma lucente: è la luna che sorride alle stelle.

Sarebbe bello poterne afferrare una in volo. Con gli occhi vigili e il cuore aperto.

 

Il pomeriggio passato al mare oggi con i bambini è stato più bello e intenso del solito. Mi piace quando il mare mi entra dentro con il suo profumo  risvegliando tutti i sensi!

Le onde giocano a rincorrersi e si trasformano; piccole grandi, sorridenti, minacciose, sinuose…

e i bambini fanno infiniti tuffi dentro la  loro trasparenza.  mi siedo a gambe incrociate, li guardo e ascolto: è impossibile non notare l’aria tersa e limpida di oggi che a tratti si fa carezza e balsamo. La voce del mare è una nota unica che vibra costante e amplifica la visione dell’intero essere.

Intono il mio silenzioso mmmmmm!!! Sottile suono calmo, filo che ricollega ogni perla dispersa dentro la sabbia…ogni conchiglia che tu piccola, riconosci bella perchè lo è la qualità dell’attimo che fugge via disperso nella notte.

 

 

 

 

Auguri affinchè  ogni vostro sogno o desiderio possa avverarsi!

Auguri Lorenzo!

TAGS

Tutto è cibo – Sarvam annam

 

 

 

 

Secondo gli indù

"Sarvam annam, tutto è cibo
Non ci nutriamo solo di cibi vegetariani o non vegetariani, ma anche di suoni e vibrazioni visive, di ogni genere di impressioni: proporzioni architettoniche, unione di forme e di colori; armonie, ritmi musicali e tutte le idee con cui veniamo in contatto. Tutto questo assorbito meccanicamente e senza vera attenzione per tutto il giorno, ha composto il nostro essere e continua a comporlo."

 

Ma noi possiamo anche imparare ad usare queste influenze sapientemente, per costruire in noi stessi quello che scegliamo di avere. Perchè la loro dinamica è regolata da leggi altrettanto precise di quelle che governano le leggi fisiche.

 

da: R. Assagioli "L’atto di volontà" ed. Astrolabio

 

 

TAGS

Ricominciare a scrivere

 

 

 

 

Non è stato facile e nemmeno automatico ricominciare a scrivere anche se la pausa è stata breve.

Ma da qualche giorno mi è ritornata la voglia di farlo. Non l’ho fatto subito perchè durante il fine settimana non sono riuscita a trovare ritagli di tempo utili per mettere insieme un post. Ora sono qui. Grazie alle amiche che mi sono vicine e mi hanno lasciato commenti, saluti e coccole.

 

"Sarà ora di ricominciare a scrivere. La campana è suonata oggi  e pian piano mi sto risvegliando alle mie attività, quelle belle e piene, quelle  creative e rigeneranti, quelle che danno un senso a tutta questa vita attraversandola come un filo che tesse trama ordito nelle combinazioni più diverse."

 

Dopo la pausa e il piccolo viaggio in montagna e dai miei genitori, mi sono sentita più riposata anche se in Valtellina abbiamo preso più freddo e nuvole che altro. Le giornata si sono lentamente susseguite tra giochi di carte, letture e qualche sporadica passeggiata. Alla fine non vedevo l’ora di ritornare a casa perchè, nonostante il cambiamento d’aria piacevole, mi sono resa conto di quanto ho ancora da risolvere: quanti nodi ancora ho da sciogliere e  quante paure si affacciano puntualmente quando mi ritrovo insieme a colei che mi ha fatto nascere, la mia mamma.

Quanto ancora la nostra relazione ha bisogno di luce, di aria, di essere presa, guardata, aperta e non più ignorata!

….mamma, mamma, mammaaaa!

Perchè quando penso a tutte le emozioni che mi provocano dolore una nebbia mi confonde e non riesco più a distinguere i contorni?

Forse il tempo con il suo invisibile velo di saggezza  porterà consiglio e io saprò che tu non sei altro che il mio specchio e se quello che vedo a volte non mi piace sarà dolce riconoscere che siamo fatte della stessa pasta e che in ogni mia cellula vive e respira un pezzetto di te.

"Sono brividi non di freddo quelli che accendono intensi spiragli di vita!"


Dolce e bello è ricominciare a scrivere liberamente, tornare a casa e riprendere i miei ritmi caratterizzati dalla mia personale scelta di libertà. Ora so che ho avuto dei regali dalla vita e non voglio buttarli via ignorandoli. Riconosco con gesti lenti di essere fortunata e una voce dentro di me lo ripete ancora. Grazie!


Felice mese di Agosto!

 

TAGS